Colore dei denti: da cosa dipende?

Come si determina il colore dei denti?

Proprio come nel caso di occhi o capelli anche il colore dei denti è determinato dalla genetica, ogni individuo insomma nasce già con un sorriso dal colore predefinito che con l’avanzare dell’età, per abitudini o invecchiamento naturale, tende ad ingiallire.

Molti sono convinti erroneamente che il colore dei denti sia determinato dallo smalto. Lo smalto invece è trasparente e il colore che si può vedere è determinato dallo strato più interno, la dentina.

I metodi di sbiancamento moderno non servono a pulire i denti (si parla in questo caso di igiene orale e non di sbiancamento) ma soprattutto a modificarne le gradazioni di colore. Per verificare la base di partenza e i risultati dei trattamenti tuttavia non ci si può affidare alle pure sensazioni visive, per questo è stata messa a punto per i dentisti una scala di tonalità sulla quale fare affidamento e che rappresenta, in Europa, il metro di giudizio corretto per ogni trattamento di sbiancamento.

La scala VITA per determinare il colore dei denti

Come si determina il colore dei denti? - Studio dentistico Nappo-Salzano

La scala VITA è una serie di sedici faccette che rappresentano il colore dei denti naturale, suddividendoli per tonalità (A-D) ed intensità (1-4).

I valori della scala sono dunque formati da un’alternanza di lettere e numeri:

B1 – A1- B2 – D2- A2 – C1 – C2 – D4 – A3 – D3 – B3 – A3,5 – B4 – C3 – A4 – C4

L’obiettivo di ogni trattamento di sbiancamento è ripercorrere la scala da destra (C4) verso sinistra (B1) dal colore più scuro e quello più chiaro. Se con uno sbiancamento ad esempio si passa da una tonalità B3 a un A1 significa che i denti si sono sbiancati di 9 tonalità.

La casa produttrice della scala VITA fornisce inoltre dei suggerimenti per una corretta rilevazione del colore dei denti:

  • Procedere in luce ambiente o con lampade normalizzate; mai puntare direttamente la lampada sul sorriso del paziente.
  • Lavorare in ambiente neutro; chiedere al paziente di rimuovere rossetto o altri cosmetici e coprire gli indumenti con colori accesi.
  • Guardare il dente da più angolazioni ma effettuare rapidamente la scelta, perché l’affaticamento degli occhi toglie validità al risultato già dopo 5-7 secondi; la prima impressione, dunque, è spesso quella corretta.

In genere, già due o tre tonalità in più possono comportare una notevole differenza nel sorriso di chiunque ma la maggior parte dei trattamenti sbiancanti genera miglioramenti che vanno dalle due alla sette tonalità. Alcuni casi particolarmente fortunati raggiungono anche un miglioramento di nove gradazioni ma il risultato finale di ogni sbiancamento dipende sempre dal naturale colore dei denti, dalla resistenza delle eventuali macchie e dal trattamento scelto e non è determinabile all’inizio.

Per approfondire l’argomento e capire più nel dettaglio quale sia la soluzione migliore per sbiancare i tuoi denti, non esitare a contattarci.

Ti aspettiamo!

Condividi questo articolo

Altri articoli

Finanziamenti e rateizzazione a tasso 0%

Cosa otterrai durante la tua prima visita?

  1. Ricostruiremo la tua anamnesi, cioè la tua storia di cure passate e la situazione attuale.
  2. Procederemo a un esame obiettivo per controllare denti e gengive ed eventualmente ti faremo una radiografia panoramica o CBCT (tac a basso dosaggio di radiazioni).
  3. Riceverai un piano di trattamento ed un preventivo personalizzato.
Listino prezzi

Volete contattarci? Nessun problema!

  1. Scriveteci all’indirizzo info@wdent.it
  2. Telefonate al numero 0577 532979
  3. Per fissare un appuntamento, causa Covid-19, telefonate dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 18.30 o il sabato dalle 9.30 alle 13.30 presso il nostro ambulatorio in strada Massetana Romana 58b a Siena (uscita tangenziale sud)

Iscriviti alla newsletter

Lasciaci il tuo indirizzo email per essere aggiornato sulle novita dello Studio Dentistico Dr. A. Nappo/ Dr. C. Salzano