La devitalizzazione dei denti

Presso lo Studio Dentistico A. Nappo/C. Salzano, a Siena, sarai seguito in tutte le fasi dell’intervento di devitalizzazione in grado di salvare il tuo dente.

Può capitare che si possa venire colpiti da carie particolarmente profonde o da gravi traumi in grado di compromettere irreversibilmente la salute di uno dei nostri denti. Tali disturbi possono portare a dolori insopportabili, che aumentano di intensità se il dente entra a contatto con sostanze calde o fredde, durante la masticazione di cibi troppo duri o anche toccando accidentalmente il dente con la lingua. In queste situazioni può divenire necessario sottoporci alla devitalizzazione del dente.

Andando a vedere nello specifico, è opportuno intervenire con la devitalizzazione in casi di infiammazioni al tessuto pulpare (pulpiti) e in presenza di granulomi derivanti da infezioni lesive.

Quando parliamo di devitalizzazione indichiamo una particolare tipologia di intervento chirurgico tramite il quale saremo in grado di riparare un dente compromesso poiché la sua polpa è stata lesa gravemente e irrimediabilmente.

Il principale vantaggio della devitalizzazione riguarda l’opportunità di poter salvare il dente senza dover ricorrere all’estrazione. È importante infatti tenere a mente che, ove possibile, è opportuno cercare di preservare la dentatura naturale del paziente.

La devitalizzazione: tutte le fasi dell’intervento

Esattamente, in cosa consiste la devitalizzazione?

Di norma, l’intervento viene effettuato in una o al massimo due sedute e si procede iniziando sempre con una radiografia che avrà la funzione di dare le indicazioni al medico su come agire.

La devitalizzazione viene realizzata seguendo una serie di fasi ben precise che porteranno alla cura del dente. Solitamente il procedimento è il seguente:

  • si sottopone il paziente a una anestesia locale;
  • si posiziona la diga di gomma a protezione del resto della dentatura. Questa diga è composta da un piccolo foglio di gomma quadrangolare di 15 cm di lato in cui verranno ricavati dei fori. Attraverso queste fessure passeranno i denti da trattare, preservando il resto della dentatura. Per sostenere la diga è necessario applicare un arco di metallo per tenerla in tensione, anche grazie all’aiuto di un piccolo gancio fissato a un dente;
  • si realizza un foro nella corona dentale e si sagomano i canali radicali in modo tale che possano adattarsi per contenere il materiale di otturazione;
  • si procede alla rimozione della polpa e degli eventuali residui batterici nella cavità dentale;
  • si disinfetta il canale radicolare e in seguito si passa al riempimento dello stesso con una resina naturale. Si tratta di un materiale sterile e inerte denominato guttaperca che è in grado di trasformarsi in idrossido di calcio. Alla guttaperca si aggiunge del cemento adesivo in modo tale che possa esserci un maggiore isolamento del canale radicolare;
  • si sigilla il dente con una otturazione temporanea e in seguito si ricostruisce l’elemento dentario. Nel caso in cui il dente risultasse particolarmente compromesso, sarà necessario apporre una corona (capsula) su di esso.

L’intero intervento viene eseguito con precisione e attenzione dall’endodontista anche grazie all’utilizzo di particolari strumenti quali il rilevatore d’apice, in grado di determinare l’esatta lunghezza e il punto terminale delle radici del dente.

Subito dopo l’intervento si presenta la necessità di avviare il processo di ricostruzione del dente. In aggiunta, può essere necessario anche arrivare all’incapsulamento dello stesso, inserendo in caso un perno. Si rimuoverà poi l’otturazione temporanea e infine si procederà a ricostruire il dente.

Tenendo in considerazione la particolare fragilità di un dente devitalizzato, si dovrà andare a installare una capsula che possa prevenire il rischio di fratture future.

Nel caso raro che si presenti un’infezione particolarmente estesa, saranno necessarie più sedute per portare a termine tutto il procedimento di devitalizzazione. Di norma sono sufficienti due sedute, se non addirittura una soltanto. Negli anni infatti è stato dimostrato che le paste provvisorie, normalmente utilizzate tra una seduta e l’altra, risultano frequentemente poco efficaci, aumentano il rischio di rotture del dente.

Devitalizzazione: vantaggi e svantaggi

Quali sono quindi i vantaggi e gli svantaggi di sottoporsi a una devitalizzazione?

Per quanto ormai la percentuale di riuscita in questa tipologia di intervento sia molto alta e il pericolo di incorrere in complicazioni risulti particolarmente limitato, si deve comunque agire in maniera tale che la possibilità di eventuali problematiche sia ridotta al minimo.

I rischi più comuni in cui si può incorrere riguardano:

  • caduta del dente;
  • rottura del dente durante un eventuale periodo tra l’operazione e la ricostruzione;
  • nelle tre settimane successive al trattamento può insorgere una ipersensibilità;
  • alterazione della colorazione del dente;
  • se la devitalizzazione risulterà non sufficiente, servirà ricorrere comunque all’estrazione.

La devitalizzazione del dente resta però un intervento, nella grande maggioranza dei casi, privo di controindicazioni e in grado di dare benefici immediati e duraturi al paziente. Tra i vantaggi derivanti dalla devitalizzazione troviamo:

  • salvataggio del dente: riuscendo a intervenire in tempo utile si può salvaguardare l’integrità del dente;
  • operazione praticamente indolore: grazie all’anestesia locale e alla strumentazione di ultima generazione, la devitalizzazione risulta quasi del tutto assente da dolore, se eseguita correttamente;
  • cura dell’infezione: se si seguono tutte le indicazioni e se la procedura dell’intervento viene portata a termine senza errori, la devitalizzazione riesce a curare del tutto l’infezione al dente;
  • riduzione e scomparsa del dolore: la cura dell’infezione porta prima alla riduzione e poi alla scomparsa totale del dolore in pochissimo tempo.

Nonostante questi vantaggi evidenti, è sempre consigliabile riuscire a prevenire la devitalizzazione di un dente: con una corretta e continuativa igiene orale quotidiana, supportata da sedute specifiche di igiene dentale professionale due volte all’anno, saremo in grado di tenere sotto controllo le possibili infezioni alla nostra dentatura.

Se vuoi un consulto o vuoi fissare un appuntamento di controllo, contatta lo Studio Dentistico A. Nappo/C. Salzano: sapremo consigliarti in caso ci fosse la necessità di un’operazione di devitalizzazione e ti accompagneremo in tutte le fasi dell’intervento.

Condividi questo articolo

Altri articoli

Finanziamenti e rateizzazione a tasso 0%

Cosa otterrai durante la tua prima visita?

  1. Ricostruiremo la tua anamnesi, cioè la tua storia di cure passate e la situazione attuale.
  2. Procederemo a un esame obiettivo per controllare denti e gengive ed eventualmente ti faremo una radiografia panoramica o CBCT (tac a basso dosaggio di radiazioni).
  3. Riceverai un piano di trattamento ed un preventivo personalizzato.
Chiamaci ora Oppure compila il form
Chiamaci ora

Volete contattarci? Nessun problema!

  1. Scriveteci all’indirizzo info@wdent.it
  2. Telefonate al numero 0577 532979
  3. Per fissare un appuntamento, causa Covid-19, telefonate dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 18.30 o il sabato dalle 9.30 alle 13.30 presso il nostro ambulatorio in strada Massetana Romana 58b a Siena (uscita tangenziale sud)

Iscriviti alla newsletter

Lasciaci il tuo indirizzo email per essere aggiornato sulle novita dello Studio Dentistico Dr. A. Nappo/ Dr. C. Salzano