Il ciuccio è uno strumento molto utilizzato nei bambini perché li aiuta a rilassarsi e sentirsi rassicurati, soprattutto quando mamma non c’è. È risaputo però, anche, che l’uso prolungato del ciuccio può provocare problemi a denti e bocca. Una domanda che le neomamme sono quindi solite porsi è “quando togliere il ciuccio al mio bambino?”
In questo articolo abbiamo raccolto per voi tutti i consigli utili per affrontare al meglio questa fase: vediamoli insieme!

A cosa serve il ciuccio? 

Il ciuccio permette al neonato di rilassarsi e calmarsi nei momenti di malessere e di pianto inconsolabile. A livello emotivo, proprio come il seno, ha un effetto consolatorio legato al bisogno del contatto con la mamma.
È normale, quindi, che molti bambini trovino in questo strumento un senso di rassicurazione o anche solo un mezzo per scaricare la tensione. Non solo, si è anche osservato che il ciuccio porta grandi benefici perché riduce il rischio di morte in culla e, in caso di nascita prematura, aiuta a sviluppare le abilità di suzione ancora deboli.

Quando togliere il ciuccio? 

Come abbiamo detto, l’uso del ciuccio va regolamentato. Il suo utilizzo infatti, a lungo andare, può causare problemi di linguaggio, deglutizione atipica e malocclusione dentale. Esiste quindi un’età specifica per togliere il ciuccio?
La risposta perfetta non esiste. Molti studi scientifici, però, sostengono che l’età ideale per togliere il ciuccio è intorno ai 3 anni, massimo 4. Va ricordato comunque che ogni bambino è diverso e questo influisce anche sull’età giusta per cambiare le sue abitudini. Se ti accorgi che il tuo bambino è pronto per togliere il ciuccio dalla sua routine prima del previsto puoi provare a cogliere l’occasione per farlo.
Probabilmente i primi giorni il bambino sarà molto irritabile, avrà difficoltà ad addormentarsi da solo e chiederà il ciuccio più volte durante la giornata. Ma nel giro di 2-3 giorni si abituerà a questa assenza. 

Come togliere il ciuccio senza traumi: i consigli da seguire

Abbiamo stilato una serie di consigli da seguire per evitare che togliere il ciuccio diventi un momento traumatico per il tuo bambino.

  • Scegli il momento giusto: non cominciare mai a togliere il ciuccio in concomitanza di eventi importanti come l’inserimento alla scuola materna, la nascita di un fratellino o di una sorellina, l’uso del vasino
  • Prepara il bambino con un po’ di anticipo e incoraggia tutti i familiari a complimentarsi con lui per la sua “grande impresa”
  • Comincia a togliere il ciuccio durante il giorno e, solo una volta che si sarà abituato. comincia a farlo anche di notte
  • Festeggia le prime notti senza ciuccio in modo che il bambino si senta orgoglioso e sicuro di se stesso, si senta grande e meno bisognoso del suo succhiotto
  • Stabilisci con il bimbo un regalo speciale da comprare insieme se riesce a fare a meno del ciuccio per un tot di tempo

Se hai ancora dubbi a riguardo o desideri maggiori informazioni, non esitare a contattarci: saremo felici di rispondere ad ogni tua domanda!

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi