Il futuro degli impianti dentali

A oggi, l’implantologia ha fatto passi da gigante: scopri insieme a noi quali sono i vantaggi dati dalle nuove tecnologie a questa branca dell’odontoiatria.

Negli anni, la tecnologia e le conoscenze relative agli interventi sugli impianti dentali hanno fatto passi da gigante. Grazie alla ricerca, i risultati odierni risultavano impensabili soltanto qualche anno fa, e molti implantologi si stanno già chiedendo: quale sarà il futuro degli impianti dentali?

Impianti dentali: un po' di storia.

Fino a tempi recenti, si considerava inevitabile una perdita ossea intorno a un impianto: il rimodellamento, spesso circoscritto a pochi millimetri, appariva come un danno collaterale previsto e calcolato. La necessità di una ricostruzione ossea è sempre stata quindi una reazione fisiologica accettabile, in grado comunque di non compromettere la buona riuscita dell’impianto. Quelli che però sono stati considerati fino ad adesso come criteri indicanti un intervento andato a buon fine, oggi possono essere superati grazie all’impiego delle nuove tecnologie in ambito odontoiatrico. Se infatti si vanno ad analizzare i risultati ottenuti nelle altre branche della medicina, si può facilmente notare come ogni step, ogni fase di crescita è stata impostata per superare ciò che fino a quel momento era stato considerato sufficiente e sotto questo punto di vista l’odontoiatria deve fare altrettanto.

Zero Bone Loss: è possibile?

Nel caso specifico dell’implantologia, si è fatto strada l’approccio denominato “Zero bone loss”, letteralmente rivolto alla perdita di osso pari a zero dopo l’inserimento dell’impianto dentale. Solitamente si ritiene che il rimodellamento osseo debba interrompersi dopo un anno, ma questa è una supposizione che in certi casi non risulta aderente alla realtà, pur essendo considerata dalla maggioranza degli odontoiatri di valenza assoluta. In aggiunta, serve ricordare che frequentemente certi casi di rimodellamento osseo possono rendere gli impianti particolarmente sensibili, portando a infiammazioni dei tessuti molli e ad altre complicanze quali per esempio le perimplantiti.

Questo poiché si è sempre ritenuto che la preoccupazione principale durante l’applicazione di un impianto fosse la salvaguardia del dente. Mantenendo ovviamente fermo questo assunto, c’è la necessità di valutare anche le eventuali aspettative estetiche dei pazienti. Grazie ai progressi raggiunti dall’odontoiatria estetica, si è iniziato a prestare maggiore attenzione alla gestione dei tessuti molli, ormai considerati importanti quanto l’osso stesso, anche per una questione prettamente funzionale.

Facendo un esempio generale, in alcune situazioni il riassorbimento osseo potrebbe non andare a compromettere in maniera sensibile la stabilità dell’impianto, ma al contempo creerebbe un difetto nel contorno dei tessuti molli, lasciando spazio dove potrebbe raccogliersi del cibo (in particolare nei casi in cui l’impianto fosse situato nella regione posteriore della bocca). Non si tratterebbe di un problema di immediatamente impattante per la qualità della vita del paziente, ma viene da chiedersi perché chi si è sottoposto a un intervento di implantologia dovrebbe voler accettare questo inconveniente.

Una soluzione efficace: i biomateriali

Utilizzando per esempio Geistlich Fibro-Gide, si ha la possibilità di ispessire maggiormente il tessuto molle, ottenendo così un impianto che non solo sarà funzionale, ma avrà anche l’aspetto di un dente naturale e verrà percepito come tale dal paziente. Tutto questo ci mostra l’importanza dello spessore sia orizzontale che verticale dei tessuti, spesso sacrificato a discapito dell’osso crestale e della stabilità dell’impianto. In realtà, come abbiamo visto, è indispensabile sia per una questione estetica che per l’igiene e il comfort.

Portare la gestione dei tessuti molli ad avere una sua centralità può dare inizio a un cambio di paradigma quando si parla di implantologia. In certi casi, infatti, potrebbe essere necessario prelevare del tessuto connettivo dal palato per migliorare l’inspessimento, ma questo richiede un ulteriore intervento chirurgico, solitamente non gradito dai pazienti. Utilizzando in queste circostanze Geistlich Fibro-Gide, avremo modo di inspessire sia verticalmente che orizzontalmente i tessuti senza che ci sia la necessità di intervenire chirurgicamente per raccogliere materiale dal paziente. I biomateriali sostitutivi sono disponibili in maniera illimitata, e permettono a chi svolge l’intervento di disporne liberamente, senza ricorrere al tessuto del palato. Si potrà così creare tessuto immobile e stabilmente attaccato intorno all’impianto, bloccando così eventuali infezioni batteriche e migliorando di conseguenza la longevità dell’impianto.

L’utilizzo dei biomateriali ha ovviamente un costo maggiore per i pazienti, ma è indubbio che restituiscano dei risultati che possono modificare radicalmente in positivo l’intera terapia implantare. I biomateriali, infatti, rispetto agli innesti di tessuto connettivo, danno origine a minori complicazioni: in primo luogo, grazie ai biomateriali diminuiscono sensibilmente i tempi, eliminando procedure quali il prelievo e la disepitelizzazione. Le complicanze che possono sorgere durante questi passaggi necessari se non si utilizzano i biomateriali, hanno spesso come conseguenza una maggiore perdita ossea. Di base quindi, valutando tutti gli aspetti, la scelta dei biomateriali può essere considerata praticamente sempre la migliore durante l’intervento di implantologia.

Devi sottoporti a un impianto dentale? Raggiungici presso lo Studio Dentistico A. Nappo/C. Salzano: abbiamo scelto di utilizzare i biomateriali Geistlich per garantire ai nostri pazienti il miglior risultato possibile in caso di intervento implantologico.

 

Condividi questo articolo

Altri articoli

Finanziamenti e rateizzazione a tasso 0%

Cosa otterrai durante la tua prima visita?

  1. Ricostruiremo la tua anamnesi, cioè la tua storia di cure passate e la situazione attuale.
  2. Procederemo a un esame obiettivo per controllare denti e gengive ed eventualmente ti faremo una radiografia panoramica o CBCT (tac a basso dosaggio di radiazioni).
  3. Riceverai un piano di trattamento ed un preventivo personalizzato.
Chiamaci ora Oppure compila il form
Chiamaci ora

Volete contattarci? Nessun problema!

  1. Scriveteci all’indirizzo info@wdent.it
  2. Telefonate al numero 0577 532979
  3. Per fissare un appuntamento, causa Covid-19, telefonate dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 18.30 o il sabato dalle 9.30 alle 13.30 presso il nostro ambulatorio in strada Massetana Romana 58b a Siena (uscita tangenziale sud)

Iscriviti alla newsletter

Lasciaci il tuo indirizzo email per essere aggiornato sulle novita dello Studio Dentistico Dr. A. Nappo/ Dr. C. Salzano