Gli impianti dentali

Perdita di un dente? Scopri tutto quello che c’è da sapere sugli impianti post estrazione e vieni a trovarci nel nostro studio per un consulto specialistico.

Le motivazioni che possono indurre l’estrazione di un dente possono essere molteplici, a partire da un trauma, passando dalle carie eccessivamente estese, fino ad arrivare alle patologie più gravi in grado di minare la salute delle radici, come per esempio le fratture radicolari oppure i granulomi. Quando si presentano tali casistiche e si decide di optare per l’estrazione, il passaggio successivo consigliato è sempre quello di realizzare un impianto dentale.

Oggigiorno, grazie alla ricerca specializzata in ambito implantologico, siamo in grado di produrre protesi specifiche per ogni caso, anche in quelle situazioni in cui il sostegno da parte dell’ossatura mascellare e/o mandibolare non sia sufficiente. Ormai sappiamo che l’intervento per la sostituzione di un dente mancante deve essere effettuato nel minor tempo possibile e con un impatto sulla bocca del paziente il più contenuto possibile. L’impianto dentale post estrattivo è sicuramente la soluzione più efficace, in particolare se messo a confronto con un ponte fisso realizzato su denti naturali, che prevede come procedura il sacrificio di almeno due denti prossimi a quello da sostituire.

Impianti dentali: l’importanza di essere tempestivi

Quali sono i motivi per cui è necessario agire in maniera tempestiva nella sostituzione di un dente mancante?

Fondamentalmente, le motivazioni per seguire questo modus operandi sono di tipo biologico, estetico e principalmente funzionale.

Andando a vedere nello specifico, agire sull’arcata dentaria risulta un’operazione particolarmente delicata e complessa, che richiede una supervisione costante anche nel periodo successivo all’intervento: quando viene a mancare uno qualunque degli elementi che compongono la struttura, possono sopravvenire reazioni di compensazione che di frequente conducono a problemi per il paziente. La mancanza di un dente va a inficiare la salute dei denti a lui vicini poiché tenderanno a occupare lo spazio lasciato vuoto, spostandosi. Il danno poi si ripercuoterà anche sugli antagonisti, ovvero i denti dell’altra arcata, che si ritroveranno senza il supporto durante la masticazione, andando a perdere di stabilità.

Tali processi sono la risposta del nostro organismo a una mancanza, un’improvvisa disfunzione che può essere compensata dal resto del sistema. Ovviamente non è una risposta ottimale, e molto spesso può portare persino a problemi diffusi e prolungati. Per questo motivo è sempre indicato prevedere l’inserimento di un impianto dentale nel più breve tempo possibile.

I migliori impianti dentali

È necessario tenere bene a mente che niente potrà essere paragonabile al dente originale, ed è quindi indispensabile avere cura della propria dentatura, con controlli periodici e un’igiene professionale calendarizzata: tutto questo è propedeutico a evitare che divenga necessario estrarre il dente e successivamente intervenire con un impianto sostitutivo. Quando questo intervento però si rivela indispensabile, ci si deve assicurare che i materiali e la tecnologia utilizzati siano a regola d’arte, proprio per contrastare le potenziali criticità, sia da un punto di vista estetico che funzionale. Non è raro che con il passare del tempo, se il problema viene trascurato, si possa arrivare a situazioni di disagio dovute alla diminuzione della capacità masticatoria e alla perdita di ulteriori denti.

Oltre alle difficoltà dovute al peggioramento della funzionalità, non va trascurato l’elemento estetico: il disagio derivante dalla mancanza di un dente in una posizione visibile può causare disturbi di natura psicologica e ripercuotersi negativamente sul benessere complessivo della persona.

Protesi e impianti dentali

Gli impianti post estrattivi sono la soluzione migliore per riabilitare un’intera arcata, potendo sfruttare nella maniera più efficace l’osso restante: nel caso in cui non siano presenti infiammazioni rilevanti a livello degli apici dentari si potrà procedere con l’inserimento degli impianti.

Nel caso di gravi traumi, anche derivanti da patologie quali granulomi o cisti, potrebbe essere necessario andare a integrare l’osso su cui posizionare l’impianto con delle protesi, al fine di rendere più agevole e sicura l’intera operazione. Non è da escludere la possibilità di inserire l’impianto già nella protesi, con l’intento di accelerare il processo di protesizzazione e la conseguente guarigione.

In conclusione, in caso si riveli necessario andare a estrarre un dente, sarà indispensabile intervenire in maniera tempestiva per cercare di limitare i possibili danni causati dalla mancanza del dente. A seconda del livello di gravità e dell’influenza che tale mancanza avrà sull’intero sistema dell’arcata dentaria, potremo agire inserendo un impianto post estrattivo, con l’intento di andare a stabilizzare la funzionalità e a migliorare la componente estetica.

Per qualunque informazione relativa agli impianti dentali, contatta lo Studio Dentistico Dentistico A. Nappo/C. Salzano e prenota la tua visita di controllo.

Condividi questo articolo

Altri articoli

Finanziamenti e rateizzazione a tasso 0%

Cosa otterrai durante la tua prima visita?

  1. Ricostruiremo la tua anamnesi, cioè la tua storia di cure passate e la situazione attuale.
  2. Procederemo a un esame obiettivo per controllare denti e gengive ed eventualmente ti faremo una radiografia panoramica o CBCT (tac a basso dosaggio di radiazioni).
  3. Riceverai un piano di trattamento ed un preventivo personalizzato.
Listino prezzi

Volete contattarci? Nessun problema!

  1. Scriveteci all’indirizzo info@wdent.it
  2. Telefonate al numero 0577 532979
  3. Per fissare un appuntamento, causa Covid-19, telefonate dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 18.30 o il sabato dalle 9.30 alle 13.30 presso il nostro ambulatorio in strada Massetana Romana 58b a Siena (uscita tangenziale sud)

Iscriviti alla newsletter

Lasciaci il tuo indirizzo email per essere aggiornato sulle novita dello Studio Dentistico Dr. A. Nappo/ Dr. C. Salzano